Stabilimento Chimico Engelhard - Eventi 2005

Nei primi giorni di Novembre 2004, i Cittadini di Case Rosse e Settecamini hanno avvertito con molta frequenza la presenza nell'aria di sostanze maleodoranti e talvolta irritanti per le vie respiratorie. Il fenomeno è stato così accentuato che alcuni hanno presentato reclami ed esposti alle autorità competenti.

Il 18 gennaio 2005, il Dirigente responsabile di Area dell' ARPALAZIO, organo deputato ai controlli, scriveva in merito alle "Segnalazioni effluvi maleodoranti ed irritanti - Via Montenero Sabino" al Comune di Roma ed all'ASL RMB con le argomentazioni riportate nella lettera seguente:


Il 29 dicembre 2004, il Dirigente del Servizio di Igiene e Sanità della ASL RMB scriveva una lettera facendo il punto della situazione sulla Engelhard.


I contenuti di questa lettera non sono stati considerati affatto rassicuranti per i cittadini al punto che gli On.li Giordano, Vendola e Deiana hanno ritenuto necessario fare una interpellanza urgente al Ministro dell'Ambiente On. Matteoli.

La discussione di questa interpellanza si è svolta alla Camera dei Deputati Giovedì 10 febbraio 2005.
Questa discussione non ha bisogno di commenti. I Cittadini ed i Comitati ringraziano sentitamente l'ON. GIORDANO per il suo intervento rivolto alla salvaguardia della loro salute.

Il 15 febbraio 2005, con lettera datata 7 febbraio 2005, la Engelhard scriveva alla ASL RMB in risposta alla sua lettera del 29/12/2004:
Con lettera datata 11 febbraio 2005, esattamente il giorno dopo l'Interpellanza dell'On. Giordano, la Engelhard presentava denuncia ai Carabinieri di Settecamini per "emissioni inquinanti" avvenute 3-4 giorni prima (7 e 8 feb.) da parte di un cantiere edile con essa confinante che aveva bruciato probabilmente del materiale di avanzo del cantiere:
Le foto allegate alla lettera di denuncia sono state riprese dallo Stabilimento della Engelhard ed evidenziano, oltre alla presenza del fuoco, anche il grande edificio residenziale in costruzione la cui concessione edilizia è stata rilasciata nel recente 2003.

Dopo aver reso note le due lettere della Engelhard riteniamo giusto far conoscere anche quelle dei Cittadini che già ai primi di febbraio avevano risposto alla stessa ASL RMB
A seguito della Interpellanza n. 584 del 10/02/05 dove l'On. Giordano dice testualmente: "Signor Sottosegretario, …………provi a guardare sul sito del Comitato dei Cittadini che si stanno ribellando, e veda se per caso non c'è un'intimidazione della Engelhard nei confronti di tali cittadini…." si decide di reinserire nel sito una lettera che la Engelhard ha inviato ad un esponente dei Comitati il 17/05/2004. A tale proposito si specifica che i membri dei Comitati, nei loro interventi pubblici come tutti i cittadini possono confermare, non hanno mai messo in relazione la maggiore mortalità per tumori evidenziata dai dati statistici nel territorio con la Società Engelhard, al contrario hanno sempre sollecitato l'avvio di indagini epidemiologiche ed ambientali rivolte a dare certezze ai cittadini.
Inoltre la presenza nel territorio di un'Azienda Chimica di 1° classe, considerata insalubre per definizione, per di più dotata di un impianto per la combustione di 1600 tonnellate/anno di catalizzatori esausti che possono essere contaminati da sostanze pericolose, è un fatto importante che non può essere nascosto ai residenti e qualsiasi Comitato di Cittadini ha il dovere di denunciarlo all'opinione pubblica e di lottare con determinazione per garantire a tutti il diritto alla salute.
Il 24 febbraio 2005 i Cittadini ed i Comitati di Case Rosse, Settecamini, Casalbianco Natura e Ponte di Nona hanno inviato una DIFFIDA al Direttore Generale ed al Direttore del Dipartimento Prevenzione della ASL RMB



Il 4 marzo 2005 la TV locale ROMA UNO realizza un bel servizio sulla Engelhard che trasmette all’interno del programma “Piazza del Popolo”. Per motivi tecnici sono stati stralciati solo alcuni momenti della trasmissione che si mettono a disposizione qui di seguito:

Foto On. Giordano    Foto Silli

 Trasmissione televisiva di RomaUno sulla vicenda Engelhard  (parte1.wmv 7Mb)

Trasmissione televisiva di RomaUno sulla vicenda Engelhard  (parte 2.wmv 9Mb)

Il 30 marzo 2005 il Sindaco di Roma, Walter Veltroni e la ASL RMB rispondono alla DIFFIDA dei Comitati

 Lettera di risposta alla Diffida dei Comitati del Sindaco di Roma Walter Veltroni (file.doc 130Kb)

 Lettera di risposta alla Diffida della ASL RMB (file.doc 318Kb)

 L’8 giugno 2005 il MINISTERO dell’Ambiente e della Tutela del Territorio (MATT) convoca in una riunione i funzionari responsabili dell’ambiente della Regione Lazio, della Provincia di Roma, del Comune di Roma e dell’ARPA Lazio a seguito di una nota ricevuta dalla Commissione Europea, tenuta costantemente informata dai Comitati. Tale nota sottoponeva alle autorità italiane competenti alcuni quesiti sulle attività svolte dalla Engelhard ed in particolare sulle misure adottate a garanzia che l’impianto funzioni nel pieno rispetto degli atti legislativi.

 L’11 luglio 2005 i Comitati fanno richiesta formale del verbale della riunione dell’8 giugno al Dirigente responsabile dell’Ufficio Legislativo del Ministero dell’Ambiente

 Richiesta formale al Ministero dell’Ambiente del Verbale della Riunione dell’8 giugno 2005 (file.doc 25Kb)

Il 12 luglio 2005 il Comitati di Quartiere (CDQ) di Settecamini, il CDQ di Case Rosse, il CDQ CasalBianco Natura, il CDQ di Ponte di Nona, l’Associazione Italia Nostra - Sezione di Roma, l’Associazione VAS-Verdi Ambiente e Società Onlus, l’Associazione Culturale “Amici dell’Inviolata” e il Circolo Legambiente di Guidonia inviavano un documento a tutte le autorità competenti con le loro richieste:

 Documento dei Comitati e delle Associazioni Ambientaliste inviato alle Autorità competenti (file.doc 75Kb)

 A distanza di 4 mesi dalla richiesta del Verbale della riunione dell’8 giugno, l’Ufficio Legislativo del Ministero dell’Ambiente non ha ancora risposto, venendo meno a quanto previsto dalle leggi vigenti sull’accesso agli atti in materia di ambiente che comunque prevedono una risposta entro i trenta giorni. Per fortuna non tutti gli Uffici sono uguali!!! Una nuova richiesta ad uno dei partecipanti alla riunione ci ha permesso di avere subito una copia del Verbale:

 Verbale della Riunione dell’8 giugno 2005 (file.doc 475Kb)

 Il funzionario del Ministero dell’Ambiente, come risulta dal verbale, fa presente che, a seguito dell’analisi della documentazione in suo possesso, sono emerse alcune “perplessità” circa le condizioni di autorizzazione alle emissioni in atmosfera dell’impianto quali risultano dalle autorizzazioni rilasciate alla Engelhard. In particolare si rileva che nel decreto di autorizzazione della Regione Lazio non è chiaramente indicata la quantità di rifiuti pericolosi di cui è consentito il trattamento. Il verbale conclude con i rappresentanti del ministero che si riservano di esaminare il documento del Commissario ai rifiuti della Regione Lazio e del programma di monitoraggio.

Ad oggi 12 novembre 2005 non risultano nuove iniziative né del Ministero dell’Ambiente, né della Regione Lazio, né della Provincia di Roma, né del Comune di Roma. L’unica certezza è che l’impianto della Engelhard continua a funzionare normalmente mentre sono in fase di ultimazione le centinaia di alloggi costruiti intorno all’Azienda chimica che verranno abitati a cominciare da gennaio 2006.


ATTENZIONE! Molti cittadini sono preoccupati per i cattivi odori o per l’aria talvolta irrespirabile che sono costretti a subire anche nelle ore notturne. Dal momento che c’è la difficoltà obiettiva a trovare al momento un funzionario pubblico subito disponibile per verbalizzare il disagio, si invitano i cittadini ad utilizzare lo strumento dell’Esposto alla Procura della Repubblica e/o alla ASL-RMB

Fax-simile di Esposto


>>>>> segue 2006 <<<<<