Stabilimento Chimico Engelhard - Eventi 2003

Il 6 maggio 2003 seguì una nuova Interpellanza alla Camera, ne segurono altre: il 6 Ottobre 2003, l'8 Ottobre 2003, il 13 Ottobre.

Attraverso queste interrogazioni e le indagini dei Comitati di Case Rosse e di Settecamini, i Cittadini finalmente sono venuti a conoscenza dell'impianto di smaltimento di rifiuti pericolosi e di tutte le Autorizzazioni che la Engelhard aveva legalmente ricevuto dalla Regione Lazio e dalla Provincia.

Epidemiologia del Territorio
I dati di un'analisi sulla mortalità per causa redatta dal Dipartimento di Epidemiologia della ASL RME in data 16/09/2003 hanno evidenziato che la mortalità per tutti i tumori nella popolazione maschile di Case Rosse e Settecamini dal 1987 al 2001 presenta uno scostamento dall'atteso (media del Comune di Roma) del 30% in più.

Prendendo invece in esame solo le cause di morte compatibili con l'inquinamento ambientale, lo scostamento medio ha visto 103 casi osservati contro i 62,3 attesi dalla media del Comune di Roma. Sono quindi circa 41 i casi in più di questi tumori osservati con uno scostamento del +65% (link All. 19).

In considerazione dell'importanza dei risultati lo stesso Direttore del Dipartimento di Epidemiologia suggerisce, nel documento, successivi approfondimenti sull'eccesso della mortalità per tumori polmonari e linfomi non Hodgkin tra la popolazione residente.
Per l'ambiente di lavoro invece scrive: "Per quanto riguarda l'attivazione di indagini epidemiologiche nell'area in relazione alla presenza dello stabilimento chimico Engelhard si ritiene importante valutare la fattibilità di un'indagine di coorte tra gli esposti in ambito occupazionale".

Il fatto che l'aumento della mortalità abbia interessato solo la popolazione di sesso maschile non è un indice di anomalia perchè la mortalità per i tumori delle vie respiratorie interessa principamente questo sesso come dimostrato dai dati epidemiologici del WHO.

L'11 Ottobre 2003 è partita la protesta con una manifestazione davanti alla Engelhard. con Niki VENDOLA


Volantino della Manifestazione (file.doc 25Kb)

Nello stesso giorno è stata sottoscritta una Petizione con 3.500 firme

Volumi con Testo e 3508  Firme della Petizione
Il testo della Petizione (file.doc 348Kb)


Il 18 Ottobre è stata inviata una lettera alla Engelhard Americana
La lettera inviata negli USA (file.doc 43Kb)

Il 15 Novembre I Cittadini si sono incontrati davanti alla Engelhard per fare il punto della situazione e per firmare un documento sugli scarichi delle acque reflue versate dalla Engelhard nell'Aniene ed inviato agli Enti interessati.

Abbiamo ricevuto il documento redatto dalla ASLRMB dove, oltre alla metodologia per l'indagine epidemiogica all'interno della Engelhard, vengono ribaditi due concetti importanti:
1) che la Engelhard, per le sue lavorazioni chimiche, non è compatibile con il territorio, tra l'altro già compromesso per altri inquinamenti ambientali, e questo, indipendentemente dagli esiti delle indagini epidemiologiche;
2) che le Autorizzazioni rilasciate dagli enti preposti debbano essere riviste alla luce della segnalazione dei rischi indicati nella relazione della stessa ASLRMB ed in quella del Ministro, sempre indipendentemente dagli esiti delle indagini epidemiologiche.

Il 15 Dicembre 2003 è finalmente giunta la lettera di confermata ricezione da parte del Parlamento Europeo della petizione con le 3.508 firme da noi inviata alla fine di Novembre.